Confronto tra le 5 migliori batterie jazz 2024

La batteria jazz è una forma d’arte molto impegnativa in cui è necessario mantenere il ritmo senza compromettere la musicalità. Agli albori del jazz, il compito del batterista era semplicemente quello di dare alla musica …

Le migliori batterie jazz

La batteria jazz è una forma d’arte molto impegnativa in cui è necessario mantenere il ritmo senza compromettere la musicalità. Agli albori del jazz, il compito del batterista era semplicemente quello di dare alla musica un ritmo vivace. Tuttavia, musicisti come Gene Krupa e Buddy Rich hanno preso la loro strada e hanno fatto della batteria uno strumento importante del jazz.

Quindi non importa se si tratta di tenere un ritmo incalzante o di eseguire assoli strabilianti. Quello che vi serve di più è un kit dal suono eccellente che si adatti al vostro stile.

Il mio primo consiglio è la Gretsch Drums Catalina Club Jazz. Un kit classico a cui molti batteristi jazz si affidano per il suo suono eccellente e la sua versatilità.

Il mio secondo consiglio è Pearl Roadshow 4 Piece Jazz. Se siete agli inizi o avete solo pochi anni di esperienza, questo kit è un ottimo budget.

I 5 migliori drum kit jazz (bop kit) 2024.

Scelta del redattore – Look elegante, suono potente

Gretsch Drums Catalina Club Jazz Drums

Opzione conveniente – Un bel kit iniziale all-inclusive

Batteria Pearl Roadshow 4 pezzi jazz

La migliore opzione disponibile – Una batteria jazz eccezionale

Batteria jazz Gretsch USA Custom

Un kit jazz professionale di Ludwig

Batteria jazz 3 pezzi Ludwig NeuSonic

Compatta e classica – Una batteria che va dappertutto

La batteria jazz Tama Club-Jam

1. Batteria Gretsch Catalina Club Jazz

Gretsch Drums Catalina Club Jazz Drums

La nostra scelta come migliore batteria jazz.

Un look di gran classe, con conchiglie perfette per il jazz.

Se si combinano il suono e l’aspetto classici di una batteria jazz tradizionale con un hardware moderno, si ottiene la batteria Gretsch Catalina Club. Offre un suono caldo ma incisivo, ideale per il jazz e il rock.

Le conchiglie Catalina Club sono costruite in legno di mogano a 7 strati e hanno una finitura vintage. Sono eleganti e suonano bene, soprattutto in un ambiente intimo.

Vantaggi

  • Gusci morbidi in mogano
  • Suono controllato della grancassa
  • Viene fornito con un supporto per tom

Svantaggi

  • Si tratta di un set di tamburi (il materiale deve essere acquistato separatamente).

Gretsch ha realizzato la grancassa con una profondità di 14 pollici. In questo modo si ottiene un buon controllo del suono desiderato, pur rimanendo ben compatti.

Sebbene questi tamburi mantengano il loro look retrò, il materiale dell’intero guscio è molto diverso. Le caratteristiche pratiche, le finiture cromate e le teste dei tamburi di buona qualità rendono la Catalina Club Jazz un kit facile da usare.

2. Pearl Roadshow 4 pezzi Jazz

Batteria Pearl Roadshow 4 pezzi jazz

Pearl è un nome da tenere in considerazione nel mondo dei tamburi. Con la Jazz 4-piece Roadshow, i giganti della batteria portano il loro ambito nome a un prezzo accessibile.

Il Roadshow Pearl è un buon kit iniziale o di riserva. È realizzato con gusci di pioppo e viene fornito già con hi-hat in ottone da 14″ e un crash/ride da 16″. È un ottimo modo per iniziare la carriera di batterista.

Vantaggi

  • L’hardware è incluso
  • Buon suono per questa fascia di prezzo

Svantaggi

  • I piatti standard non sono eccezionali
  • Teste di batteria di base

Con questo kit, Pearl ha fatto di tutto per fornire un buon kit per principianti senza scendere a compromessi sui materiali. I naselli, i cuscinetti e i cerchi di questo kit provengono direttamente dalla linea intermedia.

Nonostante le dimensioni ridotte, i tamburi producono un suono chiaro e piacevole. Il rullante e il basso si distinguono per un’ampia gamma di opzioni di accordatura.

Nel complesso, se siete agli inizi o avete bisogno di un kit di riserva per la strada, il Pearl Roadshow Jazz a 4 pezzi è un’opzione decente ed economica.

3. Gretsch USA Custom

Batteria jazz Gretsch USA Custom

La quintessenza del kit Gretsch con il timbro Round Badge. Queste canne hanno definito il marchio Gretsch per oltre 65 anni.

Ma la loro reputazione non è infondata. Producono una risposta scura e il classico suono jazz che si sente nelle esibizioni delle big band.

Vantaggi

  • Suono incredibile
  • Costruzione di alta qualità

Svantaggi

  • Il suo prezzo è alto

Come suggerisce il nome, Gretsch USA Custom permette di personalizzare il proprio kit scegliendo tra una serie di opzioni per ogni canna. Anche se queste specifiche non si limitano alle pelli. Potete anche scegliere l’hardware che preferite. Dalle staffe ai silenziatori interni, dai battitori alle teste dei risuonatori.

Anche se si trovano all’estremità superiore dello spettro, sono tamburi davvero classici. Quindi, se volete il suono caratteristico di Gretsch, scegliete la USA Custom.

4. Ludwig NeuSonic 3 pezzi

Batteria jazz 3 pezzi Ludwig NeuSonic

NeuSonic è la serie pluripremiata di Ludwig e questo kit rappresenta la sua nuova era. Questo kit a 3 pezzi è una buona scelta se siete batteristi professionisti che hanno bisogno di un suono ricco.

I gusci sono realizzati in acero a 3 strati all’esterno e in ciliegio a 3 strati all’interno. Questo ne esalta le capacità di alta gamma, rendendole ideali per ogni occasione.

Vantaggi

  • Realizzato per la strada
  • Leggero e portatile
  • Gusci ibridi a 3 strati di acero e ciliegio

Svantaggi

  • Non abbastanza tamburi

Il Ludwig NeuSonic viene inoltre fornito con un solido materiale di imballaggio. Se a questo si aggiunge la sua leggerezza, diventa un kit molto pratico per i batteristi in viaggio.

Ha anche l’estetica di una Ludwig tradizionale. Tutte queste caratteristiche lo rendono un kit molto bello da possedere.

5. Tama Club-Jam

La batteria jazz Tama Club-Jam

Anche se TAMA è ben nota per i suoi kit orientati al rock. Il Club-JAM, tuttavia, aggiunge molto al loro portafoglio di batterie jazz.

Il punto di forza del Club-JAM è il suo design compatto. Le sue dimensioni ridotte e il drum rack montato sulla grancassa lo rendono perfetto per i concerti in piccoli club. Il kit è anche molto portatile.

Vantaggi

  • Dimensioni compatte
  • Perfetto per le stanze piccole
  • Portatile e pratico
  • Scocche in pioppo

Svantaggi

  • Il suono non è all’altezza dei kit di fascia alta di questo elenco.
  • Forse un po’ troppo compatta per alcuni batteristi!

Per quanto riguarda il suono, le dimensioni ridotte della Club-JAM conferiscono un suono vivace e reattivo. I gusci sono realizzati in legno di pioppo, il che si traduce in un suono piacevole e caldo.

Guida all’acquisto

Avete visto la gamma di batterie in offerta. Potreste anche aver fatto una scelta. Ma ecco alcuni suggerimenti da tenere a mente mentre iniziate a esplorare le batterie jazz.

Che tipo di batteria si usa nel jazz?

I suoni alti e bassi risonanti sono il segno distintivo della batteria jazz. Questo è stato il caso fin dai primi tempi. Questo suono si ritrova nei legni più leggeri come il mogano, il pioppo e l’acero.

All’epoca, il legno di mogano era l’elemento base dei kit jazz. Tuttavia, i gusci in acero hanno preso il sopravvento, grazie alla loro efficienza costruttiva. I gusci in pioppo sono adatti anche a chi è agli inizi e non vuole spendere molto per il suo primo kit.

Quale pelle scegliere?

La pelle è, per un tamburo, come le corde di una chitarra. È essenziale acquistare le pelli giuste se si vuole rendere giustizia al proprio kit.

La maggior parte dei kit viene preinstallata con testine di fabbrica o di livello base. Se conoscete il vostro suono, buttate via le testine di fabbrica e optate per quelle rivestite. Le testine rivestite Evans G1 e Remo Ambassador sono ben note e di buon livello.

Il piatto più importante – La ruga

La maggior parte del jazz è suonata in un’atmosfera swingante e il piatto ride è il protagonista. Il groove è costruito su di esso e la band dipende da esso. Il piatto ride ha un sustain rilassante che completa il suono del resto del kit. È quindi importante avere un buon piatto ride nella propria collezione.

Il jazz spesso richiede un’esecuzione più leggera rispetto al rock o al metal, perché la musica è più soft. Se suonate in un ambiente più da big band, qualcosa come lo Zildjian K o il K Constantinople Renaissance potrebbe essere una buona opzione. Se la vostra musica è più contemporanea, anche i piatti dry ride sono una buona scelta.

Quanto è difficile suonare la batteria nel jazz?

La batteria jazz è generalmente considerata un genere difficile da suonare. Nessun insegnante inizia una lezione di batteria per principianti con un ritmo swing. Questo perché per suonare anche il jazz di base è necessario comprendere il feel e la suddivisione in terzine.

Man mano che si progredisce, il jazz drumming diventa più difficile, con battiti dispari, poliritmi, ecc. Ma non lasciatevi scoraggiare. Prendetela come una sfida. Rendetevi conto che più vi eserciterete, più migliorerete.

In effetti, ecco alcune delle canzoni più semplici che si possono praticare per entrare in questo campo scoraggiante:

L’isola del cantalupo – Herbie Hancock

Moanin’ – Art Blakey

Bye Bye Blackbird – Miles Davis

Studiare il grande

Quando ci si siede sulle spalle dei giganti si vede un mondo più grande. Un buon modo per ampliare i vostri orizzonti e ispirarvi quando siete giù di morale è ascoltare alcuni dei più grandi batteristi jazz di tutti i tempi.

Leggende come Buddy Rich, Art Blakely, Elvin Jones, Gene Krupa e Louie Bellson sono state immortalate grazie al loro contributo al mestiere. Oggi, continuano ad alimentare molti batteristi in tutto il mondo.

Iniziate con loro e non fermatevi.

Il verdetto

Trovare la batteria jazz perfetta è un compito noioso, vista la quantità di opzioni disponibili. Vi ho semplificato il compito restringendo il campo a cinque kit, il cui miglior consiglio è la Gretsch Drums Catalina Club Jazz.

Alla fine, tutto dipende dalle vostre preferenze personali. Voi conoscete meglio il tipo di musica che suonate, il tipo di ambiente in cui suonate e il vostro budget. Ma quando trovate un kit, assicuratevi di ottenere il massimo da esso.

Lascia un commento